Come fare il sapone in casa

Voglia di preparare qualcosa per voi e per la vostra casa con le vostre mani? Scopri come realizzare delle bellissime e profumatissime saponette con le vostre mani. Vi basterà seguire pochi e semplici passaggi. .

Una delle cose che più piacciono alle donne sono i saponi: il loro profumo intenso è perfetto per dare una fragranza sempre fresca alla biancheria riposta nei cassetti e il loro aspetto li rende utili per essere utilizzati anche come complementi di arredo, soprattutto se riposti sopra il bordo della vasca da bagno o vicino allo specchio. Ma avete mai pensato che è possibile fare il sapone in casa in poche e semplici mosse?

La procedura è davvero molto semplice e gli strumenti utili per la realizzazione di una saponetta sono davvero a portata di mano (quindi non vi preoccupate, non dovrete andare alla ricerca disperata di introvabili angagni). Sebbene gli ingredienti necessari siano davvero pochi, ricordate comunque che saranno necessari tutti, altrimenti il sapone non riuscirà a formarsi. Ma vediamo ora come fare.

Gli ingredienti

La qualità degli ingredienti è fondamentale per ottenere un eccellente prodotto finale, tenetelo a mente quando vi mettete all'opera. Ma vediamo ora cosa serve:

  1. acqua distillata oppure del rubinetto, basta che sia completamente priva di cloro e calcare;
  2. grassi e olii, possono essere sia di origine vegetale che animale. A voi la scelta;
  3. soda caustica (fate attenzione a maneggiarla;
  4. spezie o fiori a vostra scelta

Gli strumenti utili

  • una bilancia elettrica, meglio se precisa al centesimo di grammo; 
  • una pentola in acciaio
  • un termometro da cucina che riesca a misurare dai -10 ai +110 gradi 
  • un di legno 
  • un recipiente in acciaio (uno dei pochi materiali che resiste alla soda caustica)
  • un minipimer ad immersione
  • panni puliti
  • stampini in silicone 

La preparazione passo passo

Non appena vi sarete procuprati tutto il materiale necessario sopracitato, procedete con la preparazione vera e propria della saponetta. Durante l'esecuzione di questa procedura vi consigliamo di stare in una zona della casa in cui possiamo muovervi con la massima tranquillità: perfetto per l'occasione, quindi, il garage oppure la stanza degli ospiti. In questo modo potrete maneggiare con maggiore serenità anche gli ingredienti più pericolosi (come la soda caustica) senza rischiare che vapori o schizzi vadano a contatto con altre persone o con cose che si possano danneggiare.

Indossate dei guanti in gomma piuttosto resistenti, degli occhiali protettivi e un camice (nel caso non lo aveste, potete optare per una tuta da ginnastica non sintetica e magari già un po' sgualcita). 

Riponete all'interno di un lavandino o di una bacinella la ciotola in acciaio inox piuttosto capiente e versatevi all'interno 128 grammi di soda caustica; con molta attenzione aggiungete poi 300 ml di acqua distillata, facendo attenzione che gli schizzi non vadano sopra la vostra pelle o sui vestiti. Durante questo passaggio, mescolate bene i due ingredienti con un cucchiaio di legno finché l'acido non si sarà sciolto completamente. Questo processo alterà la temperatura del liquido fino ad arrivare agli 80 gradi. Coprite quindi il recipiente e mettetelo in un luogo sicuro finché non si sarà freddato. 

Nel frattempo fate scaldare 1 litro di olio extra vergine di oliva all'interno di un pentolino fino a che non avrà raggiunto la temperatura di 45 gradi. Quando dovete creare una saponetta preferite sempre l'olio di oliva perché il dosaggio che vi abbiamo segnalato è perfettamente equilibrato con quello della soda caustica. Se doveste cambiare tipologia di unguneto, dovrete cambiare anche quella di acido. 

Non appena la soda caustica avrà raggiunto la temperatura di 45 gradi, versatela attentamente nel recipiente con l'olio, quindi mescolate bene in modo che gli ingredienti si amalgamino al meglio (utilizzate un cucchiaio di legno perché non è un buon conduttore del calore e vi permette di mescolare meglio). Una volta ottenuto un liquido quanto più omogeneo, fatelo frullare utilizzando il minipimer ad immersione: questo passaggio è utile per attivare la reazione chimica tra gli ingredienti. 

Il risultato che avrete ottenuto sarà un liquido piuttosto corposo, della stessa densità della crema pasticcera per intenderci. Ad esso potete ora aggiungere i fiori o le spezie che più vi piacciono in modo da impreziosirli sia nel profumo che nell'aspetto esteriore. Trasferite infine il tutto all'interno degli stampini in silicone che avrete adagiato in una placca in acciaio foderata con della carta da forno. Lasciate risposare le vostre saponette così come sono per almeno 48 ore. 

Trascorso il tempo indicato, togliete le saponette dagli stampini e mettete questi ultimi a riposare in un luogo fresco e asciutto per almeno 6 o 8 settimane prima del loro utilizzo. 

loading...
Dott.ssa Giulia Ceschi

Articolo letto 326 volte