Come fare un uovo sodo: il MIGLIORE abbiate mai cucinato:SEGRETI e CONSIGLI per l'uovo sodo perfetto

A quanti è capitato di mangiare un uovo sodo con il tuorlo quasi olivastro? Questo capita a causa di una cottura prolungata. Ecco alcuni consigli e poche attenzioni per un uovo cotto alla perfezione.

È sicuramente tra i prodotti culinari più presenti sulle nostre tavole. L'uovo si usa per la preparazione di tantissime ricette, ma è buono anche da solo. Inoltre viene consigliato in ogni dieta per le sue qualità e per la quantità di proteine, vitamine e minerali che possiede.

Impariamo insieme a preparare un uovo sodo ai fornelli

Si tratta di uova di gallina cotte con il guscio e in acqua fredda

Prendiamo le uova e le mettiamo in un pentolino o in una padella. Bisogna fare attenzione a non romperle. Se abbiamo dubbi sulla loro freschezza, possiamo fare un piccolo test: prendiamo una ciotola di acqua salata. Se vanno a fondo, saranno fresche; se galleggiano, meglio buttarle. Riempiamo poi la padella con acqua fredda e copriamo le uova con almeno 3 centimetri d'acqua. Aggiungiamo un pizzico di sale e per evitare che si rompano mentre versiamo l'acqua, le teniamo ferme con la mano. Riponiamo la pentola sul fornello, mettiamo il coperchio e facciamo bollire l'acqua a fuoco medio. Dopo l'ebollizione, spegniamo il fuoco, ma lasciamo ancora il coperchio sulla pentola. Possiamo attendere fino a 20 minuti: dipende dal risultato che vogliamo ottenere. Per le uova barzotte, basteranno anche solo 3 minuti: l'albume sarà sodo, mentre il tuorlo cremoso e caldo. Se invece preferiamo le uova mediamente cotte, allora andranno tolte dall'acqua dopo 5 – 7 minuti. L'albume sarà molto sodo e il tuorlo più morbido al centro. Per ottenere le uova sode, dobbiamo toglierle dall'acqua dopo 10 – 15 minuti. I tuorli saranno del tutto duri.

Per fermare la cottura, dobbiamo farle raffreddare. Le mettiamo sotto l'acqua corrente fredda e le facciamo riposare per cinque minuti. Poi le riponiamo in frigo per una mezz'ora in modo che i gusci vadano man mano ad allentarsi. Infine le sgusciamo e risciacquiamo le uova sotto l'acqua fredda per eliminare ogni membrana o piccolo frammento che resta attaccato. Le riponiamo di nuovo in frigo, dopo averle sgusciate, per cinque minuti ed eccole pronte per essere mangiate. Le uova sode possono essere conservate in frigo per diversi giorni, dopo essere state sgusciate e rotte. Il rischio, però, è che diventino secche e gommose.

Consigli per preparare le uova sode

  • Se abbiamo delle uova dal guscio bianco, possiamo aggiungere nell'acqua bollente delle bucce di cipolla che andranno a colorare il guscio di una tonalità marrone. Questo ci permetterà di capire quali saranno le uova cotte e quali le crude.
  • E' necessario far cuocere le uova sode nell'acqua fredda perché l'acqua bollente provoca la rottura del guscio e la deformazione delle uova con conseguente fuoriuscita dell'albume.
  • Se le uova sono extra- large vanno lasciate in ebollizione per almeno 15 minuti.
  • Alcuni esperti consigliano di fare un piccolo foro sull'uovo prima di bollirlo. In questo modo uscirà l'acqua e diminuirà la possibilità che il guscio si rompa. Non tutti sostengono però che si tratti di una tecnica affidabile al cento per cento.
  • Meglio far raggiungere la temperatura ambiente alle uova prima di rimetterle in acqua. Ciò ridurrà il rischio di rotture.
loading...
Dott.ssa Tiziana Casciaro

Articolo letto 889 volte

  • Come fare i muffin

    La loro storia è secolare. Sembra che le prime ricette per realizzare muffin risalgano al '700 e siano state realizzate in Inghilterra anche se diverse fonti parlano di ricette create in Germania.

  • Come fare i pancake

    Se non avete mai avuto l'occasione di assaggiare un pancake, oppure li avete assaggiati e ora non sapete fare a meno di gustarli a colazione o per una pausa golosa, provate a farli in casa: la ricetta è molto [...]

  • Come apparecchiare la tavola

    La società moderna ha imposto l'uso diffuso di stoviglie di plastica. Sono usa e getta, si risparmia tempo e poi "ormai li usano tutti". Se proprio non volete rinunciare alla praticità, mettete un tocco diverso [...]